Ecologia in un romanzo

Durante un lungo viaggio in crociera, i passeggeri vengono coinvolti in una catena di avvenimenti misteriosi, imprevedibili e drammatici.
Quale strano destino unisce la direttrice di un museo etrusco, un’impiegata della FAO, una scrittrice, due astrofisici, un manager della moda, una cantante lirica famosa, un viaggiatore vestito di bianco, un runner in tuta nera e un geologo dell’ENI? Quali di questi personaggi sono reali e quali immaginari?

Come si intrecciano le loro vite con gli strani avvenimenti che si susseguono nella lussuosa nave da crociera?
Gli insoliti eventi climatici e geologici che accadono lungo il percorso, sono precursori di un prossimo catastrofico destino del pianeta?

Sono segnali che la Terra, inascoltata, manda a questo inconsapevole e gaudente gruppo di crocieristi?
Tali segnali, pur evocati ripetutamente nel flusso narrativo, vengono ignorati e si stemperano progressivamente in un’irresponsabile navigazione senza guida, senza approdi e senza meta.

In questo eco-romanzo, la nostra colpevole indifferenza e la nostra fuga dalle responsabilità nei confronti delle attuali emergenze politiche, sanitarie ed ecologiche è rappresentata dalla sfarzosa e frivola vita di crociera.
Quale metaforico viaggio stanno dunque facendo questi personaggi senza averne consapevolezza?
Queste le domande che inquietano il lettore di questo libro e che avranno, alla fine, un’inconsueta ed enigmatica risposta.

Annunci